10 Cose Da Fare Gratis a Bologna

10 Cose Da Fare Gratis a Bologna

Bologna non è una città molto grande, ha un piccolo centro che vi permetterà di girarla comodamente a piedi, è una città universitaria quindi non mancano serate, eventi ed esposizioni ed è ideale se si vuole trascorre un weekend senza spendere eccessivamente dante anche le tante cose gratis da fare.

Facilmente raggiungibile con i treni e gli aerei low cost, Bologna è una città relativamente economica, in più grazie alle nostre dritte potrete esplorarne ogni angolo scoprendo tantissime curiosità interessanti totalmente gratis!

Siete pronti a scoprire cosa fare a Bologna??

  • Affacciarsi dalla finestra di Via Piella

A Via Piella c’è una finestra molto particolare, infatti da qui è possibile vedere il Canale delle Moline che vi farà sentire un po’ a Venezia, questo è uno dei pochi corsi d’acqua che non vennero asfaltati nel novecento. Rinchiuso tra le case, per un lungo periodo è stato nascosto alla vista, ma oggi è possibile osservarlo non solo da via Piella ma anche da Via Malcontenti e Via Oberdan.

  • Guardare la statua del Nettuno da una certa prospettiva

6925894826_5cd03bef65_o

Avrete sicuramente sentito parlare della fontana realizzata da Giambologna in Piazza Maggiore, quella che rappresenta il Dio Nettuno e che ha delle dimensioni talmente grandi, 3,20 metri di altezza per 22 quintali di peso, da essere bonariamente chiamata “Il Gigante”. Beh, il Gigante però ha qualcosa di non proporzionato alla sua altezza, difatti la leggenda narra che venne imposto al Giambologna di non fare dei genitali che fossero proporzionati alla grandezza della statua, altrimenti sarebbero stati un’offesa al buoncostume, ma il furbo artista non si rassegnò a questa imposizione, quindi studiò un abile gioco di prospettive per cui se guardata da una certa angolazione (ovvero salendo su una pietra più scura all’ingresso della Sala della Borsa) il pollice della mano del Nettuno sembrerebbe un pene in erezione. Curioso, eh?

  • Parlare in un particolare “telefono senza fili”

C’è un effetto acustico particolarmente divertente che si può provare nella volta tra il Palazzo del Podestà e quello del Re Enzo. Qui, posizionandosi in un angolo e dicendo qualcosa, si potrà sentire quanto detto nell’angolo opposto. E’ un gioco simpatico, da fare ogni volta che si passa lì davanti, e poi potrebbe essere un ottimo modo per confidare qualcosa di cui vi vergognate a qualche amico, o chissà magari è il luogo perfetto per dire per la prima volta “ti amo” alla vostra fidanzata!

  • Riuscire a vedere le tre frecce del Portico di Strada Maggiore

Già dal titolo di questo paragrafo potrete immaginare che non siamo neanche noi troppo convinti di quello che vi stiamo per raccontare. Sembrerebbe che conficcate nel legno del Portico di Strada Maggiore ci siano 3 frecce, ma noi non siamo riusciti a vederle, anche se ci sono foto che lo testimoniano. Comunque la presenza di queste tre frecce in una posizione così singolare, viene giustificata raccontando che un tempo tre briganti volevano uccidere un signorotto borghese, ma mentre stavano per scagliare la loro freccia si affacciò da una finestra una ragazza nuda e i tre briganti per guardala si distrassero. Sarà vero? A noi piace immaginare di si!

  • Vedere Bologna dal Santuario di San Luca

24712804076_d1eebd822a_o

Bologna è piena di portici, ma ce n’è uno che il più lungo di tutta la città ed è il portico di San Luca, che misura 3.796 metri ed ha 666 arcate. Questo numero, che per chi non lo sapesse è il numero attribuito al diavolo, ha fatto nascere diverse allegorie e storie, tra cui quella che il portico rappresenterebbe il corpo di un serpente che culmina con una testa schiacciata dal santuario.

Che sia stata una cosa ponderata la costruzione di questo portico così lungo e con questo esatto numero di arcate non ve lo sappiamo dire, di certo però possiamo dirvi che una volta percorso tutto ed essere arrivati in cima la vista è veramente spettacolare e merita più di uno scatto.

  • Visitare il Mercato della Piazzola

Conosciuto anche come Mercato della Montagnola questo mercato è uno dei più importati di Bologna se non dell’Emilia Romagna tutta, divertitevi a girare per i suoi banchi, dove potrete trovare vestiti, scarpe, borse, cose per la casa, ma anche cose più stravaganti come incensi, lampade o stoffe colorate. Contrattate con i commerciati o semplicemente godetevi i colori e l’armonia che questo mercato saprà regalarvi! Orientativamente il mercato è aperto tutti i venerdì e i sabato dell’anno “dall’alba al tramonto” come riporta il loro sito internet, ma ci sono anche tantissime aperture straordinarie che vi consigliamo di controllare!

  • Assistere a una laurea dell’Università di Bologna

No, non vi stiamo consigliando di annoiarvi a seguire tediosi discorsi accademici su cose che se non avete studiato anche voi probabilmente non capirete mai. Quello che noi vi invitiamo a fare e assistere a tutto quello che succede dopo che lo studente di turno sia stato proclamato dottore. E’ tradizione infatti organizzare tutta una serie di “scherzi” per il malcapitato, oltre che tappezzare la città con le sue foto più compromettenti! Volete degli esempi? C’è il famoso “papiro” dove amici e parenti raccontano in rima episodi buffi vissuti insieme al laureato, che li deve leggere senza sbagliare, pena: una bevuta! Oppure il “quiz” in cui si fanno fare al neo laureato domande ai passanti che mai avrebbe fatto prima!

  • Scoprire la Palazzina Majani

Passeggiando per le strade del centro di Bologna, e in particolare per via Indipendenza, vi renderete conto che c’è una palazzina che si distacca molto dagli edifici circostanti, questa è la Palazzina Majani, costruita in stile Art Nouveau, nel 1908. Nata come sede di un’azienda dolciaria, oltre ad un laboratorio presenta anche un bar e soprattutto una sala da ballo! Grazie alla sua particolarità e al fatto che ricordasse così tanto i salotti viennesi, divenne fin da subito centro di aggregazione per la borghesia bolognese, pensate che dalla terrazza del primo piano suonava spesso un’orchestra le cui note venivano sentite da tutti coloro che si trovavano in centro.

Noi vi consigliamo di vedere questo splendido palazzo e, visto che ci siete, di fare un salto da H&M al piano di sotto!

  • Visitare il Teatro Anatomico

Sapete sicuramente che quando si iniziò a scoprire l’anatomia umana e quando si iniziarono a fare i primi interventi chirurgici questi venivano fatti in dei veri e propri “teatri anatomici”, questo perché ogni operazione era anche un po’ una lezione che veniva fatta agli altri medici i quali a loro volta potevano dare consigli e suggerimenti su come operare. Se vi trovate a Bologna quindi vi consigliamo di fare una visita in un originale teatro anatomico realizzato nel 1637, all’interno della Biblioteca dell’Archiginnasio, palazzo dove un tempo aveva sede l’Università di Bologna, e che ora custodisce la biblioteca civica.

  • Passeggiare al tramonto in Piazza Santo Stefano

6805959414_d9829a9a65_o

Piazza Santo Stefano è una delle piazze più battute dagli studenti universitari nelle sere estive, qui sorgono tantissimi bar dove poter prendere un aperitivo o una birra a conclusione delle lezioni. Molto bella e suggestiva, la piazza riesce a regalare scorci veramente emozionanti soprattutto con le prime luci del tramonto. E’ qui che sorge il “complesso delle sette chiese” anche se di chiese ormai ne sono rimaste solo quattro, vi invitiamo quindi a passeggiare per questa bellissima piazza e perché no? A leggere qui, la storia che la riguarda perché è molto curiosa e particolare.

Come avete visto, ci sono tantissime cose gratis da fare a Bologna, tutte estremamente interessanti che vi faranno scoprire questa meravigliosa città sotto una luce diversa. Se, invece, voleste spendere qualche euro, ecco cosa fare a Boogna!

Dieci Cose Da Fare Gratis a Bologna:

  • Affacciarsi dalla finestra di Via Piella
  • Guardare la statua del Nettuno da una certa prospettiva
  • Parlare in un particolare “telefono senza fili”
  • Riuscire a vedere le tre frecce del Portico di Strada Maggiore
  • Vedere Bologna dal Santuario di San Luca
  • Visitare il Mercato della Piazzola
  • Assistere a una laurea dell’Università di Bologna
  • Scoprire la Palazzina Majani
  • Visitare il Teatro Anatomico
  • Passeggiare al tramonto in Piazza Santo Stefano

Grazie mille a Rob Oo, Tiberio Frascari, Enrico Strocchi e JJ_peg per le fantastiche foto su Flickr!

Share The World!
INSTAGRAM
EMAIL
Facebook
Facebook
GOOGLE
GOOGLE
/blog/10-cose-da-fare-gratis-a-bologna/?lang=it
Youtube

Informazioni sull'autore

Roberto Paolo Ferrone

Lasciati Ispirare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi necessari sono segnalati con * I campi obbligatori sono contrassegnati *

Applicazioni di Hostelworld per cellulare

Prenota dove vuoi e quando vuoi con le nuove app per dispositivi mobili di Hostelworld.

Download on App Store Download on Play Store

Cerca e prenota più di 33,000 strutture in più di 170 paesi, da qualsiasi luogo.