Un salto nel passato, ecco cosa vedere a Belgrado

Un salto nel passato, ecco cosa vedere a Belgrado

Quando qualcuno mi chiede un consiglio su quali mete alternative visitare in Europa, non ho dubbi: Belgrado è sempre la mia prima risposta. La capitale della Serbia saprà conquistarvi con la sua ventata di vivacità. Forse tra le sue strade non incontrerete bellezze architettoniche che riescono a incantare facilmente gli obiettivi delle fotocamere come quelle di Roma o Parigi. Ma, credetemi, un giro in questa piccola città balcanica vale davvero la pena farlo. Vi stupirete di quanti quartieri interessanti, di quanti musei e istituzioni culturali e di quanti locali alla moda troverete ad aspettarvi. Il tutto condito da un costo della vita ancora relativamente basso e da una presenza ancora non troppo ingombrante del turismo di massa. Inoltre, come la storia racconta, in passato Belgrado è stata teatro di una guerra crudele. E una delle cose che più mi hanno colpito durante il mio viaggio, anzi forse quella che mi ha colpito più in assoluto, è la straordinaria resistenza della memoria. Una memoria viva, che non si vuole lasciare andare, ma che convive benissimo con il dinamismo e l’atmosfera gioviale di una capitale in crescita che negli anni diventa sempre più interessante. Spero che questa guida su cosa vedere a Belgrado stuzzichi le vostre fantasie di viaggiatori e vi convinca a scoprirla.

Cosa vedere a Belgrado

Skadarska

Se dovessi pensare a un unico luogo da consigliare a chi mi chiede cosa vedere a Belgrado non avrei alcun dubbio: la Skadarska. Una zona centrale e piccolissima in cui si concentrano street art, osterie e ristoranti, mercatini e tanta, tantissima allegria. Non a caso, quasi tutti i pasti consumati durante il mio viaggio a Belgrado li ho consumati lì, nell’atmosfera rilassata della Skadarska. Era settembre ed era bellissimo mangiare seduti all’aperto, lasciandosi deliziare dalla musica popolare e dai balli con cui si intrattenevano gli ospiti dei locali. La Belgrado più bella io l’ho trovata proprio lì, nel suo quartiere più bohèmien.

Piazza della Repubblica

Belgrado cosa vedere - strada

📸: Foto di falco da Pixabay

All’ingresso della vivace Ulica Knez Mihailova, nel pieno centro di Belgrado, si apre una delle piazze più importanti e attraversate della città: Piazza della Repubblica. Qui si trovano il Museo Nazionale, il Teatro Nazionale e uno dei principali simboli della capitale, la statua del Principe Mihailo III a cavallo. Questa fu realizzata per celebrare la liberazione della Serbia dagli ottomani. Non a caso nell’Ottocento, prima che venisse abbattuta, dove ora c’è la piazza sorgeva la Porta di Istanbul, simbolo della dominazione turca.

Ulica Knez Mihailova

Un modo molto interessante di scoprire la vivacità di Belgrado è concedersi una passeggiata nel cuore più commerciale della città. La Ulica Knez Mihailova è infatti la classica via centrale caratterizzata da negozi di tutti i tipi. Percorrendola, oltre a dare un’occhiata alle vetrine, potrete ammirare il genio dei tanti artisti di strada che affollano i marciapiedi e propongono i loro spettacoli di giocoleria ai passanti.

Il parco Kalemegdan

Belgrado cosa vedere - Parco Kalemegdan

📸: Branko Radojevic da Pixabay

Dopo Skadarska, al Parco Kalemegdan si lega il secondo dei momenti più belli del mio viaggio a Belgrado: la vista dall’alto dell’incontro tra il Danubio e la Sava, i due fiumi che bagnano la città. Una cosa semplicissima ma che è bastata a riempirmi il cuore.

Il Kalemegdan è uno dei parchi cittadini più grandi, curati e frequentati di Belgrado. Si tratta di un vero e proprio museo a cielo aperto: all’interno del parco si trova infatti quello che rimane della vecchia fortezza difensiva della città (principalmente le mura e le porte di accesso), ma non solo. Il parco è una delle mete preferite da grandi e piccini anche per altre attrazioni come lo zoo, la piccola esposizione del Museo della Guerra e le opere più monumentali come la Scala Grande e la Statua del Vincitore. Ecco perché non può mancare tra i suggerimenti su cosa vedere a Belgrado.

Io mi sono concessa due momenti al parco durante la mia permanenza nella capitale serba: uno di giorno, per poter ammirare i monumenti e i due fiumi, e l’altro di sera, con la sola illuminazione urbana: una passeggiata che vi consiglio!

Museo Nikola Tesla

Una vera e propria istituzione per tutti gli appassionati di fisica e ingegneria. Il Museo Nikola Tesla mira a diventare la più importante collezione di documenti e testimonianze dedicate alla vita e al lavoro del grande scienziato. Non a caso, le sale del museo raccolgono centinaia di migliaia di materiali che lo riguardano tra progetti, fotografie, corrispondenza personale, libri e documenti. Tra i vari ambienti in cui è strutturato, grande importanza è riservata all’area dedicata alle scoperte di Tesla nel campo dell’energia elettrica.

Il Tempio di San Sava

Alzi la mano chi alla domanda su cosa vedere a Belgrado non indica come prima risposta lo splendido Tempio di San Sava, uno dei monumenti più noti della città. Con la sua cupola che sfiora quasi gli 80 metri di altezza, l’edificio rappresenta uno dei templi ortodossi più grandi al mondo. In Serbia è anche uno dei più importanti, in quanto sorge dove furono bruciati i resti di San Sava, fondatore della chiesa ortodossa del paese. Inoltre, la sua posizione leggermente collinare consente di godere di una vista panoramica su Belgrado davvero affascinante.

La Chiesa di San Marco

cosa vedere a Belgrado

📸: www_slon_pics da Pixabay

Belgrado è colma di luoghi di culto bellissimi, specie per chi, come me, apprezza molto l’architettura ortodossa e lo stile bizantino. A questo proposito, non posso che suggerirvi una visita alla Chiesa di San Marco, un altro tra gli edifici religiosi più importanti della capitale serba. San Marco si trova nella splendida cornice del Parco Tašmajdan. La sua è una costruzione relativamente giovane in quanto risale ai primi decenni del Novecento, ma è costruita sulle rovine di una chiesa precedente.

La Casa dei Fiori

Altro luogo fondamentale da includere tra i suggerimenti su cosa vedere a Belgrado è la Casa dei Fiori, una delle attrazioni serbe più importanti. La Casa dei Fiori era la casa vacanze di Tito. Al suo interno è custodito il Mausoleo con le spoglie del Presidente e della moglie Jovanka. Una sezione della casa è dedicata al racconto per immagini dei momenti salienti della vita e delle attività di Tito (bellissime le foto originali con le celebrità dell’epoca). Molto interessante è l’esposizione dei regali provenienti da ogni parte del mondo che Tito ricevette da politici e personaggi influenti.

I palazzi delle istituzioni

cosa vedere a Belgrado

📸: zvonko58 da Pixabay

Ci sono due palazzi legati alle principali istituzioni di Belgrado: il palazzo vecchio e il palazzo nuovo. Il Parlamento si trova all’interno del palazzo nuovo, la cui costruzione partì agli inizi del Novecento prima di essere bruscamente interrotta durante la Seconda Guerra Mondiale e poi ripresa (e portata a termine) anni dopo. Di fronte al palazzo nuovo del Parlamento si trova il palazzo vecchio, altro bellissimo edificio che ospita la Presidenza della Repubblica e il suo giardino fiorito. Entrambe le sedi si trovano nel centro di Belgrado, in una delle zone più eleganti della città.

Museo Nazionale

Con la sua imponente collezione di oltre 400.000 opere, il Museo Nazionale rappresenta una delle realtà museali più importanti della Serbia. Al suo interno ospita opere risalenti a epoche diverse a partire da quella preistorica e provenienti da tutto il mondo. Molto importante è la sezione dedicata alla numismatica, che propone una impressionante raccolta di monete locali e straniere.

Museo di Arte Contemporanea

Chi fosse interessato a dare uno sguardo d’insieme alle principali tendenze e alle correnti che caratterizzano l’arte contemporanea serba non può non fare un salto al Museo di Arte Contemporanea di Belgrado. La struttura si trova nella parte nuova della città ed è stata riaperta al pubblico solo di recente, a seguito di alcuni importanti interventi di ristrutturazione. Al suo interno, il museo ospita una vasta collezione di opere realizzate a partire dai primi del Novecento da autori serbi, indagando un po’ tutte le arti: dalla pittura alla fotografia, dalla scultura al cinema.

Ada Ciganlija

In viaggio vi capita di voler alternare le visite culturali ai momenti di relax? Allora tra i suggerimenti su cosa vedere a Belgrado non potete non includere una sosta ad Ada Ciganlija, piccola penisola sul fiume Sava che si trova a est rispetto al centro.

È qui che gli abitanti della capitale serba si ritrovano per condividere i loro momenti di svago e riposo, tra le spiaggette sul fiume e le passeggiate nel verde. Non a caso, sulla piccola isola-penisola sono presenti solo alcuni impianti sportivi e un paio di caffè e locali in cui godersi un aperitivo o un ottimo pasto.

Avala

A proposito di natura e relax, ecco un’altra tappa che non può mancare nel vostro viaggio a Belgrado. La collina di Avala (circa 500 metri di altezza) si trova a 15 chilometri dalla città e rappresenta la gita fuori porta preferita dagli abitanti della capitale serba. Ricoperta prevalentemente da un bosco di conifere, Avala è stata a lungo la sede di uno dei simboli di Belgrado: la torre della televisione, distrutta dai bombardamenti della NATO e sostituita negli anni successivi da una nuova torre. Molti viaggiatori, però, si recano ad Avala soprattutto per ammirare il Monumento al Milite Ignoto, dedicato ai caduti del primo conflitto mondiale.

Zemun

cosa vedere a Belgrado

📸: falco da Pixabay

La parte più tradizionale e autentica di Belgrado si trova a Zemun, un tempo comune a sé stante e oggi quartiere a nord ovest della bellissima capitale serba.

Il punto di forza dello Zemun risiede soprattutto nella sua vicinanza al Danubio che, oltre al panorama, garantisce anche la vivacità del quartiere: lungo il fiume, infatti, non si contano i tantissimi ristoranti e locali che animano ogni sera quest’area di Belgrado. Questo ne fa una delle mete preferite dai giovanissimi, oltre che dai turisti. Chi visita lo Zemun, però, non cerca solo i divertimenti, ma vuole anche riscoprire il volto della Belgrado più antica, quella con le strade acciottolate e le casette basse dallo stile tipicamente balcanico.

Savamala

L’ultimo consiglio su cosa vedere a Belgrado è dedicato soprattutto agli appassionati di murales e arte di strada. Tra il fiume Sava e il centro della capitale si apre il Savamala, uno dei quartieri più antichi della città, famoso per la sua anima alternativa e per essere diventato il punto di ritrovo di artisti provenienti da tutto il mondo. Non a caso, le strade del quartiere sono tappezzate di meravigliose opere di street art.

Ma non è tutto: grazie ai tanti locali presenti, Savamala è particolarmente apprezzato anche dagli amanti della movida e della vita notturna.

Mangiare a Belgrado

Chi scrive è una profonda amante della cucina balcanica. Carne alla griglia, formaggio di capra, accompagnati da pane profumato e un boccale di birra fresca: basta poco per rendermi felice.

A Belgrado, così come negli altri paesi balcanici, ho sempre mangiato bene e a prezzi modici. Come vi dicevo un paio di paragrafi fa, i miei posti preferiti in cui mangiare in città si trovano nel quartiere Skadarska. Prendete carta e penna e appuntate il nome di queste due taverne, che si trovano a pochi passi l’una dall’altra: Zlatni Bokal e Dva Jelena. Qui vi aspetta una solenne abbuffata di piatti della cucina locale innaffiati ovviamente da birra serba Jelen, dolci golosi e, per chi gradisce, un bicchierino di ottima Rakia a fine pasto. Ma è l’atmosfera gioiosa e conviviale che rende speciale una cena da queste parti.

Se invece preferite concedervi un pasto in un luogo meno rustico e molto carino, vi suggerisco il Little Bay, uno dei ristoranti più noti di Belgrado. Il menu propone piatti tipici rivisitati in maniera raffinata, gustati con il sottofondo musicale delle melodie eseguite da alcuni dei più apprezzati concertisti della scena serba e belgradese. Il locale stesso vi stupirà perché somiglia a una vera sala concerti.

Ostelli a Belgrado

Dopo i consigli su cosa vedere a Belgrado e i ristoranti in cui mangiare, segnate in agenda i tre ostelli che sto per suggerirvi.

Il primo è in assoluto uno dei preferiti dai viaggiatori in solitaria e i backpackers ed è il Reveller’s, l’ostello che ha fatto dell’aggregazione e del divertimento il suo punto di forza. La posizione è fantastica: si trova infatti nel cuore della Skadarska. Per intrattenere al meglio i suoi ospiti e allo stesso tempo offrire loro il meglio della capitale serba, lo staff del Reveller’s è sempre pronto a organizzare feste, eventi e uscite alla scoperta delle zone più cool della città. Oltre ai numerosi servizi proposti, uno dei principali punti di forza della struttura è il giardino interno con il bar estivo. I viaggiatori che hanno scelto e apprezzato il Reveller’s ne ricordano soprattutto la posizione, la cura nei dettagli e la meravigliosa accoglienza.

Dove sentirsi a casa se non in un ostello che si chiama Home Sweet Home? Questa bellissima struttura si trova nel centro di Belgrado, a poca distanza dalle principali attrazioni turistiche. La sua posizione lo rende particolarmente comodo per gli spostamenti in città e fuori, data la vicinanza con la stazione centrale degli autobus. Chi lo ha scelto, oltre alla posizione, ne sottolinea l’atmosfera amichevole, la gentilezza e la disponibilità dello staff che si fa in quattro per garantire un soggiorno perfetto ai suoi ospiti.

Torniamo a Skadarska e visitiamo un ostello nuovissimo e già molto apprezzato dai visitatori: il White Owl Hostel. La struttura è dotata di ogni comfort e servizio, e vanta stanze (sia quelle private che le camerate) e zone comuni ampie e curate nei minimi dettagli. La vicinanza con uno dei quartieri più vivaci e divertenti di Belgrado fa il resto. Tra le recensioni presenti su Hostelworld c’è chi, a proposito del White Owl Hostel, sottolinea come sia difficile soggiornare in un posto migliore e chi lo ricorda come la struttura più pulita in cui ha mai alloggiato.

✨ L’autrice ✨

Velia Ivaldi, copywriter, blogger e social media manager italiana. Tra le cose che le riescono meglio troverete viaggiare e scrivere! La sua mente è completamente piena di sogni di viaggio, uno nuovo ogni giorno. Germania e Portogallo sono i suoi posti preferiti in Europa. Seguite le sue avventure sul suo blog Alla Fine Di Un Viaggio

Volete di più?

 

Share The World!
INSTAGRAM
EMAIL
Facebook
Facebook
GOOGLE
GOOGLE
/blog/belgrado-cosa-vedere/?lang=it
Youtube

Informazioni sull'autore

Giulia Salerno (Hostelworld)

I'm Giulia, Italian, and I'm an insatiable traveller obsessed with sunsets, photography, and marketing. Social Media & Content Executive and #HostelworldInsider at Hostelworld. 🌍 Favourite place on earth: Nubian Village - Aswan, Egypt 🏠 Favourite hostel: Bet El Kerem Hostel - Aswan, Egypt Follow my adventures on Instagram @giuliciu ✨

Lasciati Ispirare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi necessari sono segnalati con * I campi obbligatori sono contrassegnati *

Applicazioni di Hostelworld per cellulare

Prenota dove vuoi e quando vuoi con le nuove app per dispositivi mobili di Hostelworld.

Download on App Store Download on Play Store

Cerca e prenota più di 33,000 strutture in più di 170 paesi, da qualsiasi luogo.