Visitare Amsterdam: Cosa Non Perdere – Hostelworld

Visitare Amsterdam: Cosa Non Perdere – Hostelworld

Amsterdam è da tempo la meta preferita di tantissimi giovani, ragazzi e ragazze di tutte le età, che decidono di concedersi un weekend o qualche giorno all’estero. Si certo, Amsterdam è la città del divertimento, della trasgressione, dei coffee shop e del quartiere a luci rosse.

Ma Amsterdam è anche e molto altro. E’ una città dove si arriva per un motivo e ci si torna per un altro. Amsterdam ha il suo lato turistico, la sua faccia conosciuta, ma è anche ricca di tante gemme nascoste.

Volete trascorrere un weekend ad Amsterdam? State organizzando una vacanza ad Amsterdam? Siete appassionati di musei? Siete in cerca di una delle migliori città in Europa per divertirsi?

Nessuna paura Amsterdam è tutto questo. Ma da dove iniziare? Sicuramente dal prenotare un Ostello ad Amsterdam per vivere la vostra esperienza al 100%!

Abbiamo pensato di darvi un qualche suggerimento su cosa vedere ad Amsterdam, dalle cose più turistiche a quelle meno conosciute. Non si sa mai… potreste innamorarvi anche voi della “Venezia del Nord”.

1.Il Rijksmuseum


Per chi non lo conoscesse il Rijksmuseum, aperto nel 1885, è il museo più visitato di tutta l’Olanda e raccoglie alcune delle opere d’arte e storiche olandesi più famose al mondo da Rembrandt, Frans Hals e Johannes Vermeer, e dal 2013 il museo predispone anche un padiglione dedicato all’arte asiatica.
In Museumstraat 1, a due passi dal museo di Van Gogh e di Stedelijk, il Rijksmuseum è aperto dalle 9 alle 17 (la biglietteria chiude alle 16.30), e i biglietti sono gratuiti per tutti i minorenni e costano 17.50€ per tutti gli adulti (WOW).

Ma (si c’è un ma..), se siete appassionati di musei e arte vi consigliamo di farvi l’Amsterdam Holland Pass con cui potrete accedere ad alcuni delle collezioni più belle della capitale olandese.

2.Van Gogh

Prezzo del museo di Van Gogh? Tanto. Ben 17€ ma con la iAmsterdam Card è gratuito. In ogni caso ne vale la pena se anche voi amate il genio ribelle olandese. Lo sapevate che si dice che si tagliò un orecchio e lo inviò all’amata come pegno di amore?! Che romantico!

Ma il museo di Van Gogh è molto di più! Infatti, una volta al mese, si tengono delle proprie e vere lezioni sulla vita e le esperienze del pittore. Ah! E dei corsi di pittura ve lo avevamo detto? No? Beh, sono fantastici. Ovviamente gratuiti!

Ma tenetevi forte. La cosa migliore avviene l’ultimo venerdì di ogni mese, quando il Van Gogh Museum si trasforma in un vero e proprio club (o quasi, è pur sempre un museo!), con musica, cocktail e un’atmosfera completamente diversa da quella che si respira durante il resto del mese! Non vi resta che andare!

3.La casa di Anna Frank

La casa di Anna Frank è uno dei luoghi più significativi di Amsterdam. Un pezzo di storia della seconda guerra mondiale nel cuore della capitale olandese.

Potrete visitare la casa dove Anna Frank ha vissuto nel periodo in cui ha scritto il famoso diario tra il 42 ed il 44, prima di essere trasportata al campo di concentramento di Bergen-Belsen. La fondazione che gestisce i diritti ha recentemente stabilito che il diario non fu scritto dalla sola piccola Anna, ma che il padre svolse un ruolo chiave, tanto da essere stato considerato “co-autore”.

E’ possibile visitare la casa, passare attraverso il passaggio segreto e visionare il diario originale dalle 9 alle 21 dal 1 Aprile al 31 Ottobre; mentre fino alle 19 dal 1 novembre 2016 al 32 marzo 2017.
All’indirizzo Prinsengracht 263-267 è possibile arrivare a piedi dalla stazione centrale in 20 minuti a piedi o scendendo alla stazione Westermarkt dai tram 13, 14 e 17 o con i bus 170, 172 e 174.

4.I Canali


Scavati nel 1600, i canali di Amsterdam sono uno degli aspetti più caratteristici della città (forse il più caratteristico!). Questi, oltre ad aver contribuito allo sviluppo sociale ed economico della città, hanno dato ad Amsterdam un’atmosfera magica, unica e un’atmosfera che le è valso l’appellativo di “Venezia del Nord”. Vorrà dire qualcosa no?

Di inverno, i canali fanno da sfondo ad un paesaggio fiabesco, con bici e battelli innevati; sarà un piacere scoprire la città nella sua atmosfera più caratteristica. Se invece scegliete di partire in primavera, la città sarà in fiore e non potrete che perdervi tra il profumo dei tulipani!

Una delle esperienze più caratteristiche (e il modo migliore per spostarsi in città) è quello di (ovviamente) noleggiare una bici. Pensate che oggi l’Olanda conta ben 35mila km di piste ciclabili ed il 38% degli spostamenti avviene sulle due ruote!

Ma non è sempre stato così: infatti, dopo la seconda guerra mondiale, le automobili iniziarono a diffondersi notevolmente nella città e furono necessarie lunghe battaglie civili e crisi petrolifere internazionali per vedere questa diffusione delle due ruote.

Una delle cose che più vi consigliamo è di farvi un giro in bici. Dove? A Vondelpark ovviamente!

5.Vondelpark


Vondelpark è il punto di ritrovo di molti giovani della città. Soprattutto nelle giornate di sole, o la sera tardi, molti ragazzi e ragazze si ritrovano a Vondelpark per godersi qualche ora di relax. Inoltre il parco è circondato da bar, ristoranti e coffee shop. Qui potrete anche noleggiare degli skateboard o gustarvi il teatro all’aperto e il roseto!
A Vondelpark vengono spesso organizzati numerose feste tanto da contare circa 10 milioni di visitatori l’anno!

Qui vicino troverete un ristorante che abbiamo consigliato in questo articolo sui migliori locali per mangiare ad Amsterdam.

6.Il De Pijp

Il De Pijp, ex quartiere popolare della città, è stato completamente rivalorizzato e da tempo ospita l’ambiente multiculturale e giovane della città. Se siete alla ricerca di un qualcosa di esotico da mangiare, allora, dovreste iniziare proprio da qui!
Ricco di ristoranti, bar e caffè di tutti i tipi potrete gustare la cucina tipica olandese ma anche quella nord africana e greca!

Se siete amanti dello streetfood e sempre attenti alle spese come noi, allora andate al Albert Cuypmarkt, il cuore pulsante del De Pimp: troverete dalle verdure ai formaggi tipici olandesi al pesce fresco!
Inoltre, il De Pijp ospita sia l’ex birrificio Heineken, se siete amanti della birra, sia i “ben” 180cm della casa più stretta del mondo (Seigel 7).

7.La Oude Kerk

E’ la chiesa più vecchia di tutta Amsterdam e possiede una storia un po’ particolare: costruita nel 1300 in quello che oggi è il quartiere a luci rosse, vedeva il passaggio di molti marinai all’uscita dai bordelli pronti a lasciare parte della loro paga per comprarsi un’indulgenza prima di ripartire per il mare. Non si sa mai!
Oggi, oltre ad essere una bellissima chiesa, ospita numerose mostre fotografiche all’avanguardia ed è un vero e proprio punto di ritrovo internazionale per gli amanti della fotografia! Un consiglio, se andate, lanciate uno sguardo alla panche della chiesa: ognuna racconta una storia!

8.I Coffee Shop


“No mamma io vado ad Amsterdam a vedere i musei!” Certamente! Se ora avete qualche scusa in più da raccontare a parenti e amici, è innegabile che i coffee shop siano una delle attrazioni principali della città. Non importa che voi siate a favore o contrari alla legalizzazione delle droghe leggere (anche qui sono “solamente” tollerate), i coffee shop sono una realtà ed un aspetto imprescindibile di una visita alla città. Anche solo per vedere di cosa di tratti, il consiglio è: entrate, vedere, osservate e poi andate, o restate..

9.Quartiere a luci rosse

Alzi la mano chi è stato ad Amsterdam e non ha fatto un salto a quartiere a luci rosse.. nel caso il tuo braccio fosse alzato, sappi che sei uno dei pochi (pochissimi!).
Come i Coffee Shop, anche il quartiere a luci rosse è uno degli aspetti più conosciuti e famosi della città. La prostituzione, infatti, qui è legale e regolamentata (vabbè la fattura non la potete comunque scaricare..), e come tale ci sono determinare regole: niente bambini nel quartiere a luci rosse, non disturbate le lavoratrici se non siete clienti (o potenziali tali..) e, soprattutto, niente foto! Anche perché a chi le vorreste far vedere? E poi si sa: andare a vedere le vetrine ad Amsterdam è un MUST!

10. Piazza Dam

Uno dei luoghi più significativi della città, l’origine del suo nome viene dalla diga che fu costruita nel 1270 sul fiume Amstel (dall’olandese “Dam”, diga), che collegava due piazze: la Middeldam (la diga vera e propria) con Plaetse, la piazza più ad ovest. Grazie alla sua ubicazione, diventò presto uno dei cuori pulsanti commerciali e sociali della città, tanto che nel 1608 vi fu eretto il palazzo reale (visitabile dal Martedì alla Domenica, dalle 10 alle 5, costo:10€).
Qui potrete trovare anche il museo delle cere di Madame Tussaud e il Monumento Nazionale, in ricordo delle vittime della seconda guerra mondiale.

Se con tutto questo girare, esplorare e conoscere vi fosse venuta un po’ di fame ecco qualche consiglio! Non ve ne pentirete!

Potreste essere interessati anche a:

Divertirsi ad Amsterdam: Discoteche, Party e King’s Day
Un Italiano ad Amsterdam con un Budget ridotto
Viaggi di Lusso: 11 Boutique Hostel Da Paura!

Share The World!
INSTAGRAM
EMAIL
Facebook
Facebook
GOOGLE
GOOGLE
/blog/visitare-amsterdam-cosa-non-perdere/?lang=it
Youtube

Informazioni sull'autore

Roberto Paolo Ferrone

Lasciati Ispirare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi necessari sono segnalati con * I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =

Applicazioni di Hostelworld per cellulare

Prenota dove vuoi e quando vuoi con le nuove app per dispositivi mobili di Hostelworld.

Download on App Store Download on Play Store

Cerca e prenota più di 33,000 strutture in più di 170 paesi, da qualsiasi luogo.